Presentazione concorso… di idee 2017

In questi giorni di primavera, lo scorso anno, prendeva il via la prima edizione del Concorso…di idee che ha visto numerosi avvocati costituire gruppi di lavoro e cimentarsi nella proposta della FAI e di viDEONTOLOGIA, dimostrando capacità, creatività e mettendosi in gioco con la convinzione che ciò fosse utile non solo e non tanto per ottenere un “premio”, ma per concorrere ad una cultura formativa in materia deontologica. Il nostro sito si è arricchito di quattro nuovi video e tutti insieme siamo cresciuti sperimentando nuove tecniche e metodologie nell’ambito della formazione professionale. Quest’anno vogliamo proporre un nuovo Concorso…di idee innanzitutto alla Rete dell’Avvocatura giovane, nell’ambito di questo progetto del CNF, ma naturalmente anche a coloro che vorranno aderirvi con il supporto dei COA, dei CDD, della Scuola Superiore dell’Avvocatura, delle Commissioni di Deontologia del CNF e territoriali. Conoscete il sito www.videontologia.it ? Potrete scoprire qual è il nostro -e speriamo anche vostro!- progetto per discutere di deontologia, del suo insegnamento, utilizzando strategie didattiche diverse, basate sull’esperienza e sul coinvolgimento diretto del soggetto che apprende, finalizzate a far sì che le persone imparino a riconoscere da sole le situazioni nelle quali può e deve trovare applicazione una norma deontologica, a stimolare riflessioni e discussioni tra colleghi da cui ricavare un vero e duraturo apprendimento (vedi la presentazione del Progetto di viDEONTOLOGIA – Una sperimentazione per la didattica forense di Giovanni Pascuzzi qui). Di qui l’esigenza di una sperimentazione in un processo di trasmissione e apprendimento della deontologia professionale che l’avvocatura intende rivendicare e nel contempo garantire, anche per consolidare quei legami intergenerazionali tra gli avvocati (vedi sempre il Progetto – La nuova deontologia di Carla Broccardo qui) e di qui, grazie a lei, Juri Rudi e Giulia Merlo, la nascita del progetto di viDEONTOLOGIA a cui vi proponiamo di concorrere attraverso idee ed in particolare sceneggiature ed obiettivi formativi finalizzati alla realizzazione di video in grado di stimolare riflessioni e discussioni per prossimi incontri di formazione in materia deontologica. In cosa consiste il Concorso…di idee 2017? Si tratta di costituire più gruppi di lavoro sul territorio, ciascuno con un proprio portavoce, gestiti dai referenti della rete giovane del CNF già nominati dai COA; individuare, a vostra preferenza, una delle 3 situazioni tra quelle da noi proposte e costruire un caso concreto che la rispecchi, anche con possibili ulteriori comportamenti deontologicamente rilevanti o comunque meritevoli di essere successivamente discussi. Costruire un caso significa immaginare una scena di vita forense con i soggetti (l’avvocato, l’assistito, il magistrato, il collega ecc), i loro discorsi, le singole battute ed i vari comportamenti che andranno definiti nella sceneggiatura scritta, passaggio per passaggio. Occorre tenere presente che la scena (che sarà oggetto di un video, se vincente!) dovrà durare pochi minuti (3-5) e la sceneggiatura scritta dovrà essere adeguata. Andrà preliminarmente individuato, da ciascun gruppo, l’obiettivo formativo che ci si propone di raggiungere attraverso la sceneggiatura/video (ad es far comprendere che quel dato comportamento è una precisa violazione del ncdf, di quel determinato precetto previsto e sanzionato da quell’articolo, quali le ragioni del dovere/divieto oppure suscitare, attraverso la sceneggiatura che diverrà un video, una discussione su un certo comportamento che in determinate circostanze può integrare una violazione deontologica, in altre sollevare degli interrogativi ecc). La costruzione del caso e la scrittura della sceneggiatura devono avere la finalità (obiettivo formativo) innanzitutto di far riconoscere ai destinatari del futuro incontro di formazione la rilevanza deontologica o meno di un determinato comportamento, far loro comprenderne la ragione del precetto, renderli consapevoli della necessità di interrogarsi prima di agire, aggiornarli sulla giurisprudenza dei CDD, del CNF e della Corte di Cassazione, segnalare la dottrina, pubblicazioni e commenti più recenti ed altro ancora. Venendo allo specifico, le tre situazioni che vi proponiamo e nel cui ambito potete liberamente scegliere ai fini della costruzione del caso e quindi della scrittura della sceneggiatura e dell’obiettivo formativo, eventualmente integrandole con ulteriori condotte deontologicamente rilevanti o interessanti, potete trovarle qui. La presentazione di questo concorso…di idee avverrà il 31marzo 2017 presso la sede del CNF in Roma, Via del Governo Vecchio 3 alla riunione dei gruppi di lavoro della rete #Lab@vvocaturaGiovane e nei giorni immediatamente successivi sarà pubblicata sul sito www.videontologia.it unitamente al modulo di iscrizione da compilare on-line entro il 10 maggio 2017. Attraverso l’indirizzo mail scrivi@videontologia.it, in caso di necessità, potrete chiedere ulteriori chiarimenti, così come potranno esservi inviate ulteriori comunicazioni di carattere organizzativo. A seguito della costituzione dei gruppi di lavoro (12 componenti come numero massimo per ciascun gruppo) e dell’iscrizione, avrete a disposizione il tempo necessario per costruire il caso e rappresentarlo per scritto nella sceneggiatura, indicandone sempre per scritto l’obiettivo formativo (N.B. è possibile trovare esempi di sceneggiatura e obiettivi formativi sul sito www.videontologia.it, all’interno della mappa dei video). Le sceneggiature e gli obiettivi formativi andranno inviati da ciascun gruppo di lavoro a scrivi@videontologia.it entro e non oltre il 10 luglio 2017. Nei mesi successivi la FAI ed il gruppo di viDEONTOLOGIA valuteranno liberamente le proposte ricevute ed in particolare le questioni affrontate, l’efficacia delle sceneggiature, la previsione degli obiettivi formativi al fine di individuare le 3 proposte più idonee per la realizzazione di altrettanti video (1 per ciascuna delle 3 opzioni, riservandosi l’utilizzo dell’intero materiale ricevuto )e dunque i vincitori; le riprese avverranno nell’autunno-inverno 2017, con l’ausilio tecnico della FAI-CNF e la collaborazione dei proponenti prescelti che potranno esserne i protagonisti; i video realizzati saranno poi inseriti sul sito di viDEONTOLOGIA ed inoltre i vincitori riceveranno un dono particolare dalla FAI e dal CNF. A tutti i componenti dei gruppi di lavoro, previa attestazione nominativa dell’effettiva partecipazione da parte del referente della rete giovane, verranno riconosciuti crediti formativi in Deontologia ex art.13 g) e 20 c.3 d) del Regolamento n°6/2014, oltre all’abbonamento on-line per un anno al giornale “IL DUBBIO”. Convinti dell’apporto significativo che giungerà dalla rete avvocatura giovane attraverso le numerose iscrizioni al Concorso…di idee 2017, vi auguriamo buon lavoro e nel frattempo, utilizzate i video già realizzati per i vostri incontri di formazione, secondo le linee guida che potete trovare qui.

Il Team di viDEONTOLOGIA

PRESENTAZIONE

Come si insegna la deontologia? Non solo con lezioni frontali o attraverso un approccio casistico tradizionale ma, come ci ha spiegato in più occasioni il prof. Giovanni Pascuzzi, utilizzando strategie didattiche diverse, basate sull’esperienza e sul coinvolgimento diretto del soggetto che apprende, soprattutto finalizzate a far sì che le persone imparino a riconoscere da sole le situazioni nelle quali può e deve trovare applicazione una norma deontologica, a stimolare riflessioni e discussioni tra colleghi da cui ricavare un vero e duraturo apprendimento (vedi la presentazione del Progetto di viDEONTOLOGIA – Una sperimentazione per la didattica forense di Giovanni Pascuzzi).

Di qui l’esigenza di una sperimentazione in un processo di trasmissione e apprendimento della deontologia professionale che l’avvocatura intende rivendicare e nel contempo garantire, anche per consolidare quei legami intergenerazionali tra gli avvocati (vedi sempre il Progetto – La nuova deontologia di Carla Broccardo) e di qui, grazie a lei, Juri Rudi e Giulia Merlo, la nascita del progetto di viDEONTOLOGIA a cui vi proponiamo di concorrere attraverso idee ed in particolare sceneggiature ed obiettivi formativi finalizzati alla realizzazione di video in grado di stimolare riflessioni e discussioni per prossimi incontri di formazione in materia deontologica.

Si tratta di costituire più gruppi di lavoro sul territorio, ciascuno con un proprio portavoce, gestiti dai referenti della rete giovane del CNF già nominati dai COA, individuare, a vostra preferenza, una delle situazioni tra quelle da noi proposte e costruire un caso concreto che la rispecchi, anche con possibili ulteriori comportamenti deontologicamente rilevanti o comunque meritevoli di essere successivamente discussi. Costruire un caso significa immaginare una scena di vita forense con i soggetti (l’avvocato, l’assistito, il magistrato, il collega ecc), i loro discorsi, le singole battute ed i vari comportamenti che andranno definiti nella sceneggiatura scritta, passaggio per passaggio. Occorre tenere presente che la scena (che sarà oggetto di un video, se vincente!) dovrà durare pochi minuti (3-5) e la sceneggiatura scritta dovrà essere adeguata.

Andrà preliminarmente individuato, da ciascun gruppo, l’obiettivo formativo che si propone di raggiungere attraverso la  sceneggiatura/video (ad es far comprendere che quel dato comportamento è una precisa violazione del ncdf, di quel determinato precetto previsto e sanzionato da quell’articolo, quali le  ragioni del dovere/divieto oppure suscitare, attraverso la sceneggiatura/video, una discussione su un certo comportamento che in determinate circostanze può integrare una violazione deontologica, in altre pone degli interrogativi).

La costruzione del caso e la scrittura della sceneggiatura devono avere la finalità (obiettivo formativo) innanzitutto  di far riconoscere ai destinatari del futuro incontro di formazione la rilevanza deontologica o meno di un determinato comportamento e poi far loro comprenderne la ragione, renderli consapevoli della necessità di interrogarsi prima di agire e non porre in essere comportamenti quasi meccanicamente o perché visti compiere da un collega, aggiornarli sulla giurisprudenza dei COA, del CNF e della Corte di Cassazione, segnalare la dottrina, pubblicazioni e commenti più recenti ed altro ancora. Venendo allo specifico, le tre situazioni che vi proponiamo e nel cui ambito potete liberamente scegliere ai fini della costruzione del caso e quindi della scrittura della sceneggiatura e dell’obiettivo formativo, eventualmente integrandole con ulteriori condotte deontologicamente rilevanti o interessanti, sono le seguenti:

1)    l’avvocato decide di dare pubblicità alla propria attività professionale attraverso mezzi informatici, ma la sua condotta appare in violazione dei doveri sancìti dal ncdf ed in particolare degli artt. 17 e/o 35.

2)    l’avvocato nominato d’ufficio non si presenta all’udienza – nonostante la regolare notificazione della stessa – ed il tribunale designa  ex art.97 cpp  altro difensore che procede immediatamente all’esame dei testimoni: possibili   violazioni dei doveri sancìti dal ncdf, in particolare dell’art.26 ed eventuali conseguenze procedurali.

3)    l’avvocato rinuncia al mandato ma la sua condotta appare in violazione dei doveri sancìti dal ncdf ed in particolare degli art. 32 e/o 33 e/o 34 quanto a modalità, restituzione dei documenti, iniziative inerenti al pagamento del compenso.

 La presentazione di questo concorso… di idee avverrà l’11 febbraio 2016 presso la sede del CNF in Roma, Via del Governo Vecchio 3 alla riunione dei gruppi di lavoro della rete #Lab@vvocaturaGiovane e nei giorni immediatamente successivi sarà pubblicata sul sito www.videontologia.it unitamente al modulo di iscrizione da compilare on-line entro il 31 marzo 2016 (Per iscriverti al concorso clicca qui). Attraverso l’indirizzo mail scrivi@videontologia.it, in caso di necessità, potrete chiedere ulteriori chiarimenti, così come potranno esservi inviate  ulteriori comunicazioni di carattere organizzativo.

A seguito della costituzione dei gruppi di lavoro (12 componenti come numero massimo per ciascun gruppo)  e dell’iscrizione, avrete a disposizione il tempo necessario per costruire il caso e rappresentarlo per scritto nella sceneggiatura, indicandone sempre per scritto l’obiettivo formativo (N.B. è possibile trovare esempi di sceneggiatura e obiettivi formativi sul sito www.videontologia.it, all’interno della mappa dei video, cliccando sui 3 video girati a Torino e su “fasi del lavoro svolto”). Le sceneggiature e gli obiettivi formativi andranno inviati da ciascun gruppo di lavoro a scrivi@videontologia.it entro e non oltre il 31 maggio 2016.

Nei mesi successivi la FAI ed il gruppo di viDEONTOLOGIA valuteranno liberamente le proposte ricevute ed in particolare le questioni affrontate, l’efficacia delle sceneggiature, la previsione degli obiettivi formativi al fine di individuare  le 3 proposte più idonee per la realizzazione di  altrettanti video (1 per ciascuna delle 3 opzioni, riservandosi l’utilizzo dell’intero materiale ricevuto )e dunque i vincitori; le riprese avverranno nell’autunno-inverno 2016, con l’ausilio tecnico della FAI-CNF e la collaborazione dei proponenti prescelti che potranno esserne i protagonisti; i video realizzati saranno poi inseriti sul sito di viDEONTOLOGIA ed inoltre  i vincitori riceveranno un dono particolare dalla FAI e dal CNF. A tutti i componenti dei gruppi di lavoro, previa attestazione nominativa dell’effettiva partecipazione da parte del referente della rete giovane, verranno riconosciuti 10 crediti formativi in Deontologia ex art.13 g) e 20 c.3 d) del Regolamento n°6/2014, oltre all’abbonamento on line per un anno al quotidiano ildubbio.news diretto da Piero Sansonetti   

Convinti dell’apporto significativo che giungerà dalla rete avvocatura giovane attraverso le numerose iscrizioni al concorso…di idee, vi auguriamo buon lavoro!  

                                                                Il Team di viDEONTOLOGIA

vai ai temi per le sceneggiature

vai ai tempi del concorso

PRIVACY- INFORMATIVA ESTESA

Questa informativa estesa sulla privacy è stata redatta e personalizzata appositamente per il presente sito www.videontologia.it in base a quanto previsto dall’art. 4 del Provvedimento Generale n. 229 dell’8 maggio 2014 emanato dal Garante per la protezione dei dati personali e pubblicato sulla G.U. n. 126 del 3 giugno 2014.

Essa integra ed aggiorna altre informative già presenti sul sito e/o rilasciate prima d’ora dall’Ente, in combinazione con le quali fornisce tutti gli elementi richiesti dall’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 e dai successivi Provvedimenti dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

Avvertenza importante

Si informano i terzi tutti che l’utilizzo della presente informativa o anche solo di alcune parti di essa, su altri siti web in riferimento ai quali sarebbe certamente non pertinente e/o errata e/o inidonea, può comportare l’irrogazione di pesanti sanzioni pecuniarie da parte dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

COOKIES E TECNOLOGIE SIMILARI

Le c.d. attività di tracking ovvero di tracciamento della navigazione sono finalizzate all’analisi dei siti web visitati, le loro pagine e i relativi contenuti specifici, i tempi delle relative visite e la loro frequenza.

Spesso tali informazioni sono anche associate all’utente, senza necessariamente sapere come si chiama e dove abita. Tramite queste informazioni relative ad abitudini, usi e consumi, la loro analisi e rielaborazione è possibile ricostruirne il profilo commerciale finalizzato al c.d. e-Targeted Advertising: proposizione di prodotti o servizi o contenuti mirati.

Dal punto di vista tecnico-informatico, ciò avviene attraverso l’utilizzo, da parte della stragrande maggioranza dei siti web, dei c.d. cookies, che sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell’utente, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva.

cookies sono diversi e con funzionalità differenti e, secondo il Garante Privacy, possono essere così bipartiti:

Acookies tecnici, quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica o, nella misura strettamente necessaria, al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio(art. 122, comma 1 Codice Privacy)”.

cookies tecnici si possono suddividere in:

  • cookies di navigazione o sessione – garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, permettendo, ad esempio, di realizzare un acuisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate;

  • cookies analitici – assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma anonima ed aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso;

  • cookies di funzionalità – permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionato (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

Bcookies di profilazione (definiti anche cookie comportamentali) volti a creare profili dell’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete (Behavioural Advertising – pubblicità comportamentale).

Raccolgono informazioni relative alla navigazione degli utenti, ai siti e alle pagine visitate, al tempo di permanenza; successivamente mostrano su altri siti web avvisi pubblicitari inerenti (e-Targeted Advertising).

Esistono, poi, altre tecnologie similari (web beacon, cookie flash, silver light application storage) pure in grado di conservare e leggere file di dati sul computer dell’utente.

In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevedono che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso.

LA NORMATIVA DEL GARANTE PRIVACY

Con il Provvedimento Generale n. 229 dell’8 maggio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 126 del 3 giugno 2014 (entrata in vigore 3 giugno 2015 – art. 5 Tempi di adeguamento), il Garante Nazionale ha regolamentato l’utilizzo dei cookies di profilazione, così definiti all’art. 1, lett. b): i cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso.

Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice Privacy laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3”(art. 122, comma 1, del Codice).

I cookie, pertanto, svolgono diverse e importanti funzioni nell’ambito della rete, che vanno ad incidere in modo diretto e molto spesso occulto, sui dati personali degli utenti, che subiscono trattamenti senza le necessarie procedure di informazione e consenso previste dalla normativa in materia di privacy.

Ecco perché, secondo l’opinione del Garante, qualunque decisione in merito alle modalità di informativa e consenso online, riguardando in pratica chiunque abbia un sito Internet, avrà quindi un fortissimo impatto su un numero enorme di soggetti, che presentano peraltro, come si è detto, natura e caratteristiche profondamente diverse tra loro.

Il Garante, consapevole della portata della presente decisione, ha ritenuto pertanto necessario che le misure prescritte nel provvedimento sopra indicato – ai sensi di quanto previsto dall’art. 122, comma 1, del Codice siano, da un lato, tali da consentire agli utenti di esprimere scelte realmente consapevoli sull’installazione dei cookie mediante la manifestazione di un consenso espresso e specifico (come previsto dall’art. 23 del Codice) e, dall’altro, presentino il minore impatto possibile in termini di soluzione di continuità della navigazione dei medesimi utenti e della fruizione, da parte loro, dei servizi telematici.

Di tali opposte esigenze, emerse chiaramente anche in occasione della consultazione pubblica e degli incontri tenuti dall’Autorità, si è tenuto conto in primo luogo nella determinazione delle modalità con le quali rendere l’informativa in forma semplificata.

È peraltro convinzione del Garante che i due temi, dell’informativa e del consenso, vadano necessariamente trattati in maniera congiunta, onde evitare che il ricorso a modalità di espressione del consenso online che richiedano operazioni eccessivamente complesse da parte degli utenti vanifichino la semplificazione realizzata nella informativa.

Alla luce di quanto sopra, con la presente informativa si comunica agli utenti che i cookies utilizzati nel presente sito web sono delle seguenti tipologie:

  1. Cookies tecnici: permettono all’utente l’ottimale e veloce navigazione attraverso il sito web e l’efficiente utilizzo dei servizi e/o delle varie opzioni che esso offre, consentendo ad esempio di effettuare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate. Questi cookies sono necessari per migliorare la fruibilità del sito web, ma possono comunque essere disattivati.

  2. Cookies di terze parti: sono dei cookies installati sul terminale dell’utente ad opera di gestori di siti terzi, per il tramite del presente sito. I cookies di terze parti, aventi principalmente finalità di analisi, derivano per lo più dalle funzionalità di Google Analytics.

E’ possibile avere maggiori informazioni su Google Analytics cliccando sul seguente link: http://www.google.it/intl/it/analytics.

Per disabilitare i cookies e per impedire a Google Analytics di raccogliere dati sulla navigazione, è possibile scaricare il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics cliccando sul seguente link: https://tools.google.com/dlpage/gaoptout.

Le impostazioni del browser

Informiamo inoltre che l’utente può configurare, liberamente ed in qualsiasi momento, i suoi parametri di privacy in relazione all’installazione ed uso di cookies, direttamente attraverso il suo programma di navigazione (browser) seguendo le relative istruzioni.

In particolare, l’utente può impostare la così detta “navigazione privata”, grazie alla quale il suo programma di navigazione interrompe il salvataggio dello storico dei siti visitati, delle eventuali password inserite, dei cookies e delle altre informazioni sulle pagine visitate.

Avvertiamo che nel caso in cui l’utente decida di disattivare tutti i cookies (anche quelli di natura tecnica), la qualità e la rapidità dei servizi offerti dal presente sito web potrebbero peggiorare drasticamente e si potrebbe perdere l’accesso ad alcune sezioni del sito stesso.

Indicazioni pratiche rivolte all’utente per la corretta impostazione del browser

Per bloccare o limitare l’utilizzo dei cookies, sia da parte del presente sito che da parte di altri siti web, direttamente tramite il proprio browser, si possono seguire le semplici istruzioni sotto riportate e riferite ai browser di più comune utilizzo.

Google Chrome: cliccare sull’icona denominata “Personalizza e controlla Google Chrome” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata  “Impostazioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Mostra impostazioni avanzate” e quindi alla voce di menù denominata “Privacy” cliccare sul pulsante “Impostazioni contenuti” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Microsoft Internet Explorer: cliccare sull’icona denominata “Strumenti” posizionata in alto a destra, quindi selezionare la voce di menù denominata “Opzioni internet”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù denominata “Privacy” ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Mozilla Firefox: dal menu a tendina posizionato in alto a sinistra selezionare la voce di menù denominata “Opzioni”. Nella maschera che si apre, selezionare la voce di menù  “Privacy”, ove è possibile impostare il blocco di tutti o parte dei cookies.

Il sito informa inoltre che il trattamento dei Suoi dati avverrà mediante modalità e strumenti idonei a garantirne la riservatezza e potrà essere effettuato attraverso mezzi elettronici o automatizzati (elaboratori in rete non accessibili al pubblico) ed attraverso mezzi non automatizzati (archivi cartacei), forniti entrambi di adeguate misure di sicurezza, quali password personalizzate con accesso esclusivo, codice identificativo personale e controllo sull’accesso degli archivi, così come previsto e disciplinato dagli articoli da 31 a 36 inclusi del Codice e sempre nel rispetto dell’articolo 11 del Codice.

In occasione dell’inizio o del proseguimento del rapporto instaurato la nostra Fondazione/Ente, oltre al trattamento dei Suoi dati personali, a seguito di Sua eventuale segnalazione o di elaborazione dei documenti da Lei consegnatici, può venire a conoscenza di dati che la legge definisce sensibili (dati idonei a rivelare l’origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l’adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale). Il trattamento di tali dati potrà avvenire, da parte dell’Ente, solo con il Suo previo consenso scritto.

I Suoi dati personali conferiti potranno essere comunicati e diffusi dal CNF:

a) nei soli casi previsti dalla legge, al fine degli adempimenti in materia amministrativa, contabile e/o fiscale;

b) ai soli collaboratori esterni al CNF in qualità di consulenti/fornitori in materia fiscale e/o contabile e/o legale, per l’assolvimento degli adempimenti di cui al punto a);

c) agli Enti, Istituzioni, Concessionari, Subconcessionari, appaltatori e/o subappaltatori ove impegnati nell’esecuzione del rapporto contrattuale o commerciale instaurato;

d) agli Enti operanti nello stesso settore di attività del CNF;

esolo previo Suo specifico consenso, revocabile in qualunque momento, i Suoi dati personali (non sensibili) potranno essere inseriti nella mailing list del CNF per l’invio di newsletter, materiale informativo, pubblicitario e promozionale afferente le attività istituzionali;

fsolo previo Suo specifico consenso, revocabile in qualunque momento, i Suoi dati personali (non sensibili) potranno essere diffusi tramite l’inserimento nel sito Internet www.videontologia.it” e tramite pubblicazioni su periodici e riviste specializzate.

In nessun caso i Suoi dati potranno essere diffusi e trasferiti all’estero

Diritti dell’interessato

Titolare dei trattamenti dei dati personali è il Consiglio Nazionale Forense, in persona del Presidente in carica e legale rappresentante.

Al Titolare del trattamento Lei potrà rivolgersi per far valere i Suoi diritti così come previsti dagli articoli 7, 8, 9 e 10 del Codice Privacy, che potrà visionare all’interno del sito nell’apposita sezione Policy Privacy.

La presente informativa potrà essere integrata, oralmente o per iscritto, con ulteriori elementi ed indicazioni, per soddisfare al meglio qualunque Sua esigenza conoscitiva in materia di privacy e per assecondare/osservare l’evoluzione normativa in materia.

In caso di modifiche sostanziali all’informativa o qualora si decida di modificare le modalità di utilizzo delle informazioni personali, tali modifiche saranno pubblicate in maniera visibile prima che abbiano effetto, oppure saranno notificate direttamente all’utente. Si consiglia di prendere visione regolarmente dell’informativa sulla privacy per i prodotti e servizi utilizzati, al fine di conoscere le modalità di protezione delle informazioni adottate.

TORINO

 

 

 

Elaborazione e coordinamento: avv. Elena Negri

Hanno partecipato gli avvocati: Roberto Ariagno, Marino Careglio, Edoardo Carmagnola, Roberto Capra, Stefano Cotti, Roberto Giordano, Emanuele Labis, Simone Maina, Roberto Mordà, Davide Pierluigi Parlatano, Maria Turco, Enrica Zola

coming soon

Schermata 2014-12-05 alle 06.45.59

pagina in costruzione

guarda il trailer http://youtu.be/QBme2FeTfeM

Presto potrai trovare le iniziative realizzate con la fantasia e l’impegno volontario di avvocati di diversi Fori che attraverso l’esame di condotte deontologiche problematiche rappresentate in brevi video intendono avviare un metodo diverso per approfondire i temi della deontologia forense.